Politica

Duccilli e il Don Chischiotte di Miguel De Cervantes Saavedra

Milano. L’archetipo del gentiluomo coraggioso, che crede negli ideali e per questo combatte, contrapposto al plebeo codardo, facilmente corruttibile, sta nuovamente prendendo forma nelle gesta politiche dei sostenitori del Movimento, che ha l’obiettivo della rinascita d’intenti. Serve ancora compiacersi della propria figura in specchi resi opachi dal tempo per incrociare le armi contro mulini a vento scambiati per giganti e spasimare per sguattere impresentabili, per restituire alla cultura universale la prova della congiunzione tra il mondo delle cose e il mondo dei segni? Mettere a nudo i malfattori, gli imbroglioni, i prestanome con la poesia e l’arte è un impegno encomiabile che solo l’estro di un regista attore come Gennaro Duccilli riesce sempre diplomaticamente a smascherare. Lo abbiamo seguito in varie realizzazioni degne di teatri stabili, se ancora ne esistono, e la vena satirica e ironica tipica, specialmente in questa sua messa in scena, dei romanzi cavallereschi, mira ad evidenziare i mali della società del nostro tempo, che sembrano sulla strada dell’abbandono grazie al nuovo respiro di cambiamento! Sì, è vero, potrebbe sembrare un sogno esaltato e maniaco di avventure e di gloria di un allampanato cavaliereimmerso in una sua perenne insoddisfazione, ma è l’umanità del suo robusto scudiero che lo porta a soppesare il bene ed il male. Regna Filippo III in Spagna e la stagnazione di un secolo di decadenza politica ed economica si respira in ogni luogo, in ogni nucleo familiare. Sequestri territoriali, minacce di bancarotta, mancanza di lavoro, esorbitanti processi inflattivi, i cui effetti vengono amplificati da epidemie e recrudescenze di fenomeni criminali, riportano a situazioni politiche attuali e ben venga quindi, il “Don Chisciotte e Sancio Panza”, elaborato da Gennaro Duccilli, tratto dall’opera di Miguel de Cervantes Saavedra.
È Gennaro Duccilli che lo dirige e lo interpreta per il Teatro della Luce e dell’Ombra. Qui di seguito il cast artistico:
Gennaro Duccilli – Don Chisciotte
Maurizio Castè – Sancio Panza
Paolo Ricchi – Curato, Oste, Barbiere, Diavolo
Eleonora Cardei – La Tolosa, Regina, Contadina
Eleonora Mancini – Nipote, Maritornes, Contadina
Giordano Luci – Mulattiere, Carrasco, Chierichetto
Ornella Santini – Governante, Rosita, Contadina

Cast tecnico

Costumi: Ines Delle Vedove; Luci: Antonio Accardo; Audio: Giulio Duccilli; Comunicazione e grafica: Antonio Maria Duccilli; Aiuto regia: Eleonora Cardei. Scene a cura di Sergio Gotti.

La prima dello spettacolo sarà ad Anzio il 19 agosto 2016 – ore 21,15 – nella splendida e storica cornice di “Villa Adele”, così chiamata fin dal 1° ottobre 1834, in onore della sposa di Francesco Borghese.

Related posts

Castelbasso, le mostre proseguono fino al 3 settembre

admin

Abruzzo maglia nera d’Italia nella distribuzione in Dpc dei presidi diabetici: “Dopo tre anni di promesse disattese, la Giunta Regionale mantenga finalmente gli impegni presi con i pazienti abruzzesi”

redazione

Intelligenza Artificiale: Meritocrazia Italia chiede alla Politica un’attenzione severa ed una visione strutturata

redazione

Leave a Comment