Cronaca

Controlli nella settimana effettuati dalla Polizia di Stato nelle stazioni di Marche, Umbria e Abruzzo

Pescara. 1.769 identificati, 3 persone denunciate in stato di libertà, 221 servizi di vigilanza nelle stazioni ferroviarie, 85 treni scortati, 16 pattuglie automontate. Questo il bilancio dell’attività del Compartimento Polizia Ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo nella settimana appena trascorsa.

La Polfer di Giulianova, martedì, ha denunciato per interruzione di Pubblico Servizio, un 70enne italiano che mentre viaggiava a bordo di un treno regionale diretto a Teramo, è stato trovato dal Capo Treno senza biglietto e sprovvisto di mascherina. L’uomo, che si è rifiutato di acquistare il biglietto come di indossare la mascherina, non è neanche sceso dal treno, così come previsto dal regolamento, facendo maturare al regionale 14 minuti di ritardo. Rintracciato dagli agenti della PolFer, oltre al reato contestato, è stato anche sanzionato in base all’attuale normativa anti-COVID 19.

La PolFer di San Benedetto del Tronto, a seguito di mirata attività di indagine, ha denunciato per il reato di ricettazione un 46enne italiano in possesso di un cellulare risultato poi rubato. L’uomo, controllato qualche tempo prima, aveva con se uno Smartphone che da subito insospettiva gli agenti. L’intuizione risultava corretta, poiché da successivi accertamenti emergeva che ne era stato denunciato il furto i primi di luglio. La disavventura del proprietario del telefono si è quindi conclusa con la restituzione dell’apparecchio.

Related posts

Imprenditori in campo, finanziato il Covid Hospital di Atessa

redazione

Pescara, attività storiche: ecco i premiati

admin

Covid-19, Settimana Santa di donazioni in provincia di Chieti. A Lanciano Arciconfraternita in prima linea

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy