Politica

Ferrara: “Cambiamo Chieti anche con il voto di chi si è candidato per mandare a casa la destra”

Comizio conclusivo della campagna elettorale domani, venerdì 2 ottobre, a piazzale Marconi, ore 19

Chieti. “Se vinco io o vince Di Stefano con quel centrodestra che ha mortificato per dieci anni la nostra città non è la stessa cosa. Non è la stessa cosa se al governo di Chieti rimarranno i responsabili del suo declino o arriveranno nuove persone più capaci, persone pronte a impegnarsi per il bene di tutti. Chi conosce il significato e il valore di parole come solidarietà, sussidiarietà, equità, lo sa che se vinco io o vince Di Stefano non è la stessa cosa.

Abbiamo fatto un cammino importante, bellissimo, anche parecchio in salita, che ha dato ragione a una scommessa, far rinascere Chieti, e gli elettori ci hanno dato fiducia portandoci al ballottaggio. Siamo a un passo dal traguardo, manca davvero pochissimo e insieme possiamo farlo. Insieme noi, cittadini della città che amiamo, che conosciamo, che vogliamo vedere tornare a splendere.

Dopo il risultato del 21 settembre scorso, abbiamo aggiunto amici agli amici, su una sola base possibile: la condivisione della nostra linea programmatica. Ci siamo aperti alle esperienze civiche e ai movimenti, nella certezza che il discorso avviato con il polo di Paolo De Cesare e il Movimento 5 Stelle è destinato ad arricchirsi. Abbiamo davanti a noi cinque anni di amministrazione per costruire insieme, ripeto insieme, progetti per la nostra città, per allargare percorsi e confini utili a dare ai cittadini di Chieti opportunità e accesso a diritti e servizi. Siamo certi che altri amici, gli stessi che sono scesi in campo al primo turno per mandare a casa la destra, non faranno mancare il loro contributo prezioso per portare a compimento un progetto di rinnovamento necessario per Chieti. Questo obiettivo ci mette tutti dalla stessa parte

Ho difficoltà a credere, e infatti non lo credo possibile, che qualcuno possa scegliere di stare dalla parte di chi fino a due settimane fa voleva mandare a casa. Non credo che nessuno potrebbe non sentirsi in parte responsabile di una riconferma del centrodestra, se oggi scegliesse di disimpegnarsi o addirittura votare contro. Non lo credo e infatti so, lo sento che saranno con noi tutti quelli che sono stanchi delle solite facce. Sono persone che non tradiranno se stesse, la loro storia personale e politica, la loro visione giusta della società, lo spirito riformista che ci accomuna.

Chi ama Chieti sa a chi affidarla, perché sa che non è la stessa cosa se vinco io o se vince Di Stefano accompagnato dal solito pessimo centrodestra”.

Lo dichiara il candidato a sindaco di Chieti in corsa al ballottaggio per il centrosinistra, Diego Ferrara, che domani, venerdì 2 ottobre, terrà il comizio conclusivo della campagna elettorale a piazzale Marconi, alle ore 19.

Related posts

Svelati i primi dettagli sul nuovo lavoro dei Death Cell

admin

Roccamontepiano, grande partecipazione alla “Passeggiata con il Sorriso”

admin

Chieti, IdeAbruzzo: “Coronavirus non sia la scusa per chiudere l’ufficio postale in via degli Agostiniani”

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy