Cronaca

Azzurra, la mascherina certificata e a Km 0 prodotta da Noctis arriva comodamente a casa con un semplice click

Pesaro Urbino. Azzurra il nome, per richiamare il colore-simbolo nazionale indossato dalle formazioni sportive che rappresentano l’Italia; bianca con gli elastici verdi e rossi i colori, quelli della bandiera italiana. E’ la mascherina chirurgica a km 0 realizzata e firmata Noctis Spa, leader italiana nella produzione di letti tessili, prodotto made in Italy al cento per cento, perché: Italians Do it Better!
Per l’emergenza Coronavirus, l’aziendadi Pergola dal maggio scorso ha scelto di ampliare la propria produzione tessile anche alle mascherine chirurgiche. Ne produce 30mila pezzi al giorno. Ed ora sono acquistabili attraverso un apposito portale di e-commerce: http://www.n-MED.it.
Dal produttore al consumatore che sa perfettamente cosa indossa per proteggersi. Per Azzurra sono state ottenute tutte le certificazioni, poi sottoposte alla verifica dell’Istituto superiore di sanità che ha concesso l’autorizzazione alla commercializzazione. A completamento di questo iter è arrivata la marcatura CE, quindi si è provveduto al deposito della documentazione presso il Ministero della salute. Sono mascherine di tipo IIR, la categoria più performante dal punto di vista della filtrazione batterica (98%), utilizzabili anche in contesti ospedalieri.
Grazie al nuovo servizio ideato da Noctis, la mascherina verrà consegnata direttamente a casa, in comodi dispenser da 50 pezzi, in soli 3 giorni.
Affidabilità, ingegno e amore per tutto quello che produce: queste le caratteristiche che da sempre contraddistinguono l’azienda. Noctis con grande senso di responsabilità ha deciso di intervenire operativamente nel momento più difficile della pandemia da Covid-19, nel segno dell’orgoglio e della solidarietà, come racconta il presidente Piero Priori: “La scelta di ampliare la nostra produzione tessile in mascherine chirurgiche e camici sanitari, è nata come gesto di solidarietà nei confronti di tutto il personale medico e infermieristico che lottava senza risparmiarsi nel momento di massima offensiva del virus con insufficiente disponibilità di dispositivi di protezione, richiesti anche all’estero, come del resto soffriva della stessa penuria di protezioni personali la gente comune. Ha giocato anche la volontà di preservare i posti di lavoro nell’azienda in un momento in cui nella prospettiva di un futuro incerto per la nostra produzione seriale era un vero pensiero. Si è così costituita una squadra operativa eccezionale che realizza un prodotto nato dalla nostra tecnologia, dalla nostra mano d’opera qualificata, esperienza e conoscenza dei tessuti di qualità reperiti da fornitori selezionati nel tempo. Un Prodotto made in Italy al cento per cento. Oltre ad intessere rapporti con le istituzioni statali abbiamo intensificato i rapporti con la comunità locale per mettere subito a disposizione le nostre mascherine dando precedenza a situazioni di grande difficoltà. L’azienda è diventata nel tempo un bene sociale per il nostro territorio e questa responsabilità la sentiamo profondamente”.
E ora la mascherina chirurgica Azzurra potrà essere acquistata anche dai privati: “Dopo aver messo a punto la produzione e fornito in questi mesi importanti gruppi industriali e le Asur del territorio – prosegue Mattia Priori, responsabile dell’organizzazione aziendale – adesso la mascherina può essere acquistata comodamente anche dai privati. Insomma dal produttore al consumatore, che potrà utilizzare un dispositivo di protezione di assoluta qualità, made in Italy, anzi a km 0, sapendo esattamente cosa andrà ad indossare. E’ questo un aspetto fondamentale perché va rimarcato che è bene proteggersi con dispositivi in grado di farlo. Azzurra ha una filtrazione batterica superiore al 98%. Si tratta di una mascherina di tipo IIR, la categoria più performante, autorizzata dall’Istituto superiore di sanità, con tanto di marcatura CE. Ora tutti i cittadini potranno proteggersi nel modo giusto – conclude Priori – basterà collegarsi al sito che abbiamo realizzato, anche con uno smartphone, per ricevere direttamente a casa Azzurra!”.

Related posts

Guardia di Finanza Pescara, autostrada A14: soccorso eroico di un finanziere

redazione

Fossacesia, al via la bonifica dai rifiuti nell’area degli ex alloggi popolari di via Lanciano

redazione

Opes Abruzzo dona uova di Pasqua: andranno a Chieti, Vasto e Atessa

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy