Cronaca

A Chieti la commemorazione di Giovanni Palatucci

Chieti. Anche a Chieti è stato ricordato Giovanni Palatucci, ultimo questore di Fiume, che, prima di essere deportato a Dachau, dove morì il 10 febbraio del 1945, riuscì a salvare migliaia di ebrei dai campi di concentramento nazisti.
La cerimonia è avvenuta alle ore 16:00 a Chieti in Largo Donatori di Sangue di via Principessa di Piemonte, dove è presente un’aiuola dedicata a Palatucci e curata dall’A.V.I.S., alla presenza del Questore di Chieti Francesco De Cicco, del cappellano della Polizia di Stato don Gianni Caldarelli, e del Presidente dell’A.V.I.S. di Chieti Tullio Parlante.
Giovanni Palatucci nacque il 31 maggio 1909 a Montella (AV). Superati gli esami da procuratore legale, frequentò a Roma il 14° corso per Vice Commissario di Pubblica Sicurezza presso la Scuola Superiore di Polizia. Assegnato inizialmente a Genova, il 15 novembre 1937, fu trasferito alla Questura di Fiume, dove fu prima addetto all’ufficio stranieri e poi Questore Reggente.
Durante i suoi anni a Fiume, Palatucci fu coinvolto con il problema della deportazione di ebrei profughi provenienti dall’Austria e dalla Jugoslavia. Nel periodo tra il 1938 al 1944 Palatucci salvò numerose famiglie di ebrei permettendo loro di ricevere permessi di viaggio o di residenza.
Per questa sua attività, il 13 settembre 1944 fu arrestato e deportato nel campo di concentramento di Dachau, dove morì il 10 febbraio 1945.
Per la sua attività a favore degli ebrei in Israele fu incluso nella lista dei “Giusti tra le nazioni” dal 12.9.1990.
La Repubblica Italiana gli assegnò la Medaglia d’Oro al Merito Civile il 15.5.1995 con la seguente motivazione: “Funzionario di Polizia, reggente la Questura di Fiume, si prodigava in aiuto di migliaia di ebrei e di cittadini perseguitati, riuscendo ad impedirne l’arresto e la deportazione. Fedele all’impegno assunto e pur consapevole dei gravissimi rischi personali continuava, malgrado l’occupazione tedesca e le incalzanti incursioni dei partigiani slavi, la propria opera di dirigente, di patriota e di cristiano, fino all’arresto da parte della Gestapo e alla sua deportazione in un campo di sterminio, ove sacrificava la giovane vita. Dachau, 10 febbraio 1945.”
Nel 2004 la Chiesa Cattolica gli assegnò il titolo di “Servo di Dio”.

Related posts

Ortona, rinnovata l’esenzione temporanea per i titolari di contrassegno disabili

redazione

Covid-19, si parte con tamponi antigenici: tavolo in Prefettura a Chieti per screening e vaccinazioni

redazione

Incendi lungo la Costa dei Trabocchi, identificato l’autore che ha scatenato le fiamme a Torre Pizzis di Ortona

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy