Politica

“CEFALONIA – ITACA: l’inganno del ritorno” per Sotto la tenda dell’Avanguardia al Florian Espace

Pescara. FLORIAN METATEATRO Centro di Produzione Teatrale Teatro D’Autore e altri linguaggi direzione artistica Giulia Basel venerdì 18 maggio 2018 ore 21.00 al FLORIAN ESPACE Pescara per Sotto la Tenda dell’Avanguardia in collaborazione con ESPACE Promozione Culturale e con il patrocinio di Associazione ALUMNI Liceo Ginnasio D’Annunzio – Pescara Il Ruggiero In CEFALONIA | ITACA: l’inganno del ritorno Testi da Cefalonia di Luigi Ballerini, in dialogo con Il Ritorno di Ulisse in patria di Claudio Monteverdi/Giacomo Badoaro drammaturgia, regia, musiche originali di Emanuela Marcante apparato visivo a cura di Daniele Tonini con la collaborazione di Piero Deggiovanni voci recitanti ed esecuzioni musicali di Emanuela Marcante (pianoforte) e Daniele Tonini (flauto) con la partecipazione di Luigi Ballerini.
Uno spettacolo in tre momenti: L’inganno del Ritorno; Diventare nemici; Due isole senza ritorno: Cefalonia, Itaca
Su due isole vicine, che forse sono la stessa, nel tempo del mito e nel tempo della storia approdano eroi di guerre inutili e dolorose: per Ulisse il ritorno è vendetta e illusorio ricongiungimento, prima di riprendere il viaggio; per i soldati della divisione Acqui il desiderio del ritorno, l’illusione del ritorno, si pagherà con la vita.
Per il reduce di Troia (l’accorto che non si accorge – o che non vuole accorgersi?) e per Ettore B, il soldato del Monologo a due voci di Luigi Ballerini che dall’isola dell’impossibile ritorno, Cefalonia, prende il titolo, l’approdo all’isola è un ultimo inganno. L’isola, un punto di arrivo e un punto di (ri)partenza. Le parole del soldato che si alternano a quelle della controparte tedesca Hans D, si dipanano in narrazione e declamazione musicale che rompe in canto, mentre si svolge l’epos finale della peripezia di Ulisse, con la musica e le parole de Il ritorno di Ulisse in patria di Claudio Monteverdi e del poeta “incognito” Giacomo Badoaro. Cefalonia | Itaca, due destinazioni che si serrano in un unico illusorio desiderio/scommessa di ritorno e che si rivelano scenario dell’ultimo inganno.
Luigi Ballerini, poeta dei due mondi come lo definirà Pippo Di Marca, nasce a Milano due mesi prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, guerra che porterà suo padre a morire a Cefalonia. Dopo essersi formato e aver fatto parte della vita culturale di città come Milano, Londra, Bologna , Roma, nel 1969 si trasferisce negli Stati Uniti e insegna a Los Angeles e a New York. Nel 1976 diventa il direttore della facoltà di Italianistica alla New York University e nel 1992 ricopre lo stesso incarico per la UCLA. Nella Grande Mela inizia l’importantissima attività di promotore di poesia, che è una delle principali caratteristiche di Ballerini, portando poeti italiani in America organizzando incontri e convegni di altissimo livello e traducendo poeti americani in italiano per Rizzoli. Scrive libri di versi ma anche saggi sulla letteratura e poesia d’avanguardia.
Oggi divide il suo tempo tra New York e Milano all’insegna del binomio geografico che da sempre contraddistingue Ballerini, e cioè quello Stati Uniti↔Italia.
A seguire incontro con Luigi Ballerini, Emanuela Marcante e Daniele Tonini con la partecipazione di Ugo Perolino Biglietti: intero € 8 ; ridotto € 6. E’ consigliata la prenotazione.
Info e prenotazioni: FLORIAN METATEATRO Via Valle Roveto 39 – 65124 Pescara, tel. 085 4224087 – 085 2406628 – 393/9350933, www florianteatro.com – organizzazione@florianteatro.it

Related posts

I borghi più belli propongono la “Notte romantica” a tutte le coppie e ai visitatori

admin

Speciale Capodanno a Milano: cenone e gran spettacolo di arte circense, magia, musica live

admin

Università delle Tre Età Cupello, al via le iscrizioni

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy