Politica

Chieti, Ideabruzzo e la discarica dimenticata

Chieti. “Quasi 5 anni di inutili promesse da parte della Regione”. La discarica bruciata di Colle Sant’Antonio (Colle Marcone) torna al centro della polemica. E stavolta a puntare il dito è Andrea Di Ciano di Ideabruzzo #Chieti2020.
A quasi 5 anni, purtroppo, duole constatare che né un centesimo è arrivato nelle casse comunali per la bonifica del sito né alcuna rassicurazione da parte degli uffici tecnici regionali e dei vertici politici.
Una discarica finita nel dimenticatoio. Incendiata nella notte tra il 27 e il 28 giugno 2015, la discarica, considerata abusiva, non è mai stata bonificata: ci sono ancora i fusti con i rifiuti pericolosi, ci sono le carcasse di batterie per auto squagliate, ci sono i cumuli di immondizia alti fino a 6 metri, ormai l’ingresso è pressoché inaccessibile per la folta vegetazione cresciuta in questi anni.
IdeAbruzzo chiede all’amministrazione comunale di farsi portavoce in regione per far sì che arrivino i soldi promessi dalla vecchia giunta di centro sinistra e mai arrivati per bonificare l’area di stoccaggio di Colle Sant’Antonio devastata da un incendio doloso,Andrea Di Ciano conclude dicendo che è la Regione l’ente chiamato per legge ad adempiere alla bonifica e alle obbligazioni di pertinenza ma è rimasto sordo in questi lunghi anni alle richieste del Comune e dei cittadini.

Related posts

Elezioni comunali, Costantini: “Il nostro partito sono i pescaresi”

redazione

Peppe Millanta riceve il Premio Alda Merini

admin

Pescara, Mafalda mette in ombra il Teatro Dialettale abruzzese

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy