Politica

Continui mass shooting alla violenza, Meritocrazia Italia: “Si risponda con la cultura non con la mera repressione”

Roma. “Ormai è quasi all’ordine del giorno la notizia di un nuovo ‘mass shooting’.

Cronaca che proviene principalmente dagli Stati Uniti e riaccende periodicamente la discussione sulla facilità di accesso alle armi.

Il problema, purtroppo però, non è tutto qui. Probabilmente il divieto di acquisto di armi non basterebbe in sé a porre fine alle violenze.

La piaga della violenza occasionale, che non è circoscritta territorialmente ma si ripropone ovunque con maggiore o minore frequenza, merita di essere curata in maniera seria e strutturata, perché la responsabilità non è mai soltanto individuale, ma va ripartita su una società ancora culturalmente non adeguata.

Il culto della violenza, l’aggressività e la volontà di sottomettere l’altro hanno occupato gli spazi lasciati vuoti dalla cultura, diffondendosi grazie a modelli culturali molto pericolosi, soprattutto per i giovani, che si trovano esposti a un bombardamento di messaggi e modelli a dirsi quantomeno ambigui.

Da sempre Meritocrazia Italia sollecita reazioni non violente alla violenza, nella certezza che l’inasprimento delle pene e logiche di tipo puramente repressivo non siano misure adeguate o da sole sufficienti.

Occorre intervenire alla radice. Per questo si impegna a promuovere la cultura del rispetto e del garbo, sollecitando la diffusione di modelli virtuosi per il risveglio delle coscienze e la riscoperta collettiva di un nuovo senso civico.

Meritocrazia torna a invitare enti e Istituzioni a organizzare incontri e seminari al fine di sensibilizzare giovani e meno giovani al valore della cultura e della legalità e, al fine di far conoscere e apprezzare esempi virtuosi, incentivare la partecipazione, diretta ove possibile, di uomini e donne che hanno fato della legalità uno stile di vita, oppure mediante la lettura di documenti o e la visualizzazione di filmati.

Si propone la creazione, la pubblicazione e la divulgazione da parte di Scuole, centri di educazione e formazione e biblioteche, di un elenco di libri, film, opere teatrali e musicali divise per fasce di età consigliate e ambito di riferimento, al fine di consentire a docenti e genitori di individuare più agevolmente il materiale da utilizzare per stimolare il dibattito ed il confronto in tema di legalità ed onestà.

Occorre tornare a educare al bello, per l’attecchire della consapevolezza della meraviglia delle diversità e per la conquista di uno stabile equilibrio interiore e sociale.

Perché tragedie come quelle delle quali tanto si sente parlare non si ripetano in nessun tempo e in nessun luogo, occorre lavorare insieme, mai ‘contro’ qualcuno e sempre ‘a favore’ della civiltà”. Si legge così in una nota di Meritocrazia Italia.

Related posts

Duo Jazz e Bossanova Assunta Menna e Domingo Muzietti in concerto a Il Capriccio di Chieti

admin

Consorzio di Bonifica Sud, Smargiassi: “Aumento oneri inaccettabile, porto il caso in Consiglio Regionale”

redazione

San Salvo, elezioni europee: iscritti al voto in 15.894

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy